Katia vs gli Esperti


Quando l’uomo/la donna della strada (dove per donna della strada non intendo individuare alcuna categoria professionalizzante)  mi chiedono che cosa faccio nella vita resto sempre leggermente seccata. So già che esiste una probabilità di restare invischiata in discussioni scomode. So già che al sentire la parola “astrofisica” sorgeranno nel mio/mia interlocutore/rice di volta in volta imbarazzo, curiosità, sorpresa, ingenuità, indifferenza. I più pericolosi (nel seguito, come nel titolo, ometterò volontariamente la distinzione di genere; non me ne vogliano ma è davvero letterariamente pesante) sono quelli che sanno già tutto, quelli che passano per interessati quando in realtà soltanto fremono dal desiderio di farti capire quanto siano ferrati su questioni di energia oscura, teoria delle stringhe, fotoni, bosoni, kationi e chi più ne ha più ne metta, aspetti afferenti al mio campo di ricerca su cui posso affermare di non sapere un beneamato piffero. E se solo osi tagliar corto, passi per quella che se la tira e che non è interessata a disseminare le proprie conoscenze ai sedicenti poveri/sfigati non addetti ai lavori. Mi scoccia dover ri-convincere persone che sanno già tutto del fatto che le loro convinzioni più che brillare di valore scientifico potrebbero riempire le pagine di un qualsiasi numero di Cazzenger. Sì, sono proprio una che se la tira parecchio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...